Fibre da frutta e verdura un aiuto naturale contro l'asma

Argomenti: 

frutta-verdura.jpg

Combattere l’asma a tavola è possibile grazie alle fibre contenute in frutta e verdura. A sostenerlo uno studio condotto dal Dr. Benjamin Marsland dell’Università di Losanna in Svizzera e pubblicato su Nature Medicine, secondo il quale la protezione delle vie respiratorie da tale patologia potrebbe cominciare proprio dall’intestino.

Le fibre contenute negli alimenti più naturali per eccellenza, come frutta e verdura non trattate, come alternativa a stili di vita spesso fondati su cibo sottoposti a processo di raffinazione o trattati per il confezionamento e l’allungamento della scadenza. Questo senza contare il consumo fin troppo diffuso in Occidente del cosiddetto cibo spazzatura.

Lo studio ha previsto alcuni test di laboratorio su topolini, i quali hanno mostrato minore propensione al manifestare i sintomi dell’asma nei casi in cui è stato imposto loro un regime dietetico ad alto contenuto di fibre derivate da frutta e verdura. Attivando il meccanismo protettivo originato nella zona intestinale, questi alimenti favoriscono la riduzione dell’irritazione e dell’infiammazione delle vie respiratorie.

Alterare la flora batterica intestinale porterebbe secondo gli esperti a un’evidente propensione allo squilibrio delle difese dell’organismo, in grado di ripercuotersi sulla circolazione sanguigna e sull’attivazione di speciali indicatori che favoriscono la risposta immunitaria contro l’infiammazione e l’irritazione dei tessuti.

Una dieta ricca di fibre alimentari sarebbe il segreto per ridurre al minimo i rischi legati all’asma secondo i ricercatori dell’Università di Losanna. Via libera quindi a un’alimentazione in cui frutta e verdura la fanno da padrone, con carciofi e lamponi (anche però legumi come lenticchie e fagioli) tra gli alimenti più salutari.

 

greenstyle

 

Condividi sul tuo social!
frutta-verdura.jpg

Combattere l’asma a tavola è possibile grazie alle fibre contenute in frutta e verdura. A sostenerlo uno studio condotto dal Dr. Benjamin Marsland dell’Università di Losanna in Svizzera e pubblicato su Nature Medicine, secondo il quale la protezione delle vie respiratorie da tale patologia potrebbe cominciare proprio dall’intestino." data-share-imageurl="">