Greenpeace: «Ritirate la Pac, tutela solo l'agrobusiness»

 

Durissima la posizione espressa da Greenpeace sulla nuova PAC, la Politica Agricola Comune, approvata dal Parlamento europeo. «Tutela solo gli interessi dei maggiori produttori industriali e dei proprietari terrieri più ricchi. E anche gli obiettivi climatici sono a rischio».

 

terra nuova

"Il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità con un accordo siglato all'inizio di questa settimana tra i tre maggiori gruppi parlamentari (Ppe, S&D, Renew), e senza migliorie per la protezione di ambiente o clima. I deputati hanno ignorato la crescente pressione arrivata da associazioni e giovani attivisti per il clima (Fridays For Future) affinché votassero contro questo accordo, già descritto da Greenpeace come una condanna a morte per le piccole aziende agricole e l'ambiente". Così Greenpeace in una nota.

"Così com'è la proposta della PAC tutela solo gli interessi dei maggiori produttori industriali e dei proprietari terrieri più ricchi. Agricoltori, natura e ambiente sono stati messi da parte da una manciata di potenti deputati del Parlamento europeo, e gli obiettivi climatici dell'Ue sono ora a rischio - dichiara Federica Ferrario, responsabile campagna agricoltura di Greenpeace Italia - Miliardi di euro di denaro pubblico spingeranno ulteriormente l'agricoltura verso la catastrofe climatica, a meno che la Commissione europea non cestini questa proposta e ricominci da zero".

Secondo Greenpeace, "il piano approvato dal Parlamento europeo non è in linea con gli obiettivi del Green Deal europeo, né con la strategia 'Farm to Fork' e neppure con la strategia per la biodiversità pubblicati all'inizio di quest'anno". Greenpeace chiede alla Commissione europea di "ritirare la proposta per la nuova PAC, e di ripartire da zero col processo legislativo".

da Terra Nuova

 

 

Condividi sul tuo social!
terra nuova

 

"Il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità con un accordo siglato all'inizio di questa settimana tra i tre maggiori gruppi parlamentari (Ppe, S&D, Renew), e senza migliorie per la protezione di ambiente o clima. I deputati hanno ignorato la crescente pressione arrivata da associazioni e giovani attivisti per il clima (Fridays For Future) affinché votassero contro questo accordo, già descritto da Greenpeace come una condanna a morte per le piccole aziende agricole e l'ambiente". Così Greenpeace in una nota.

" data-share-imageurl="">