L'Agenda della Salute di Settembre

terranuova

Settembre: tempo di migrazioni e bilanci

 

Tempo di gratitudine

Dopo la vitalità dell’estate, la Terra è prodiga nell’offrire i suoi ultimi frutti e si prepara al lungo e meritato riposo. È tempo di raccolta, di conserve, di migrazioni e bilanci.

Settembre è un mese tutto al femminile in cui, oltre a celebrare la Madre Terra, molte culture venerano la luna nell’ultimo plenilunio del mese, conosciuto come Lunazione dell’Uva nella tradizione wicca.

 

 

Si tratta di un momento propizio per rilassare il corpo e ascoltare la nostra saggezza interiore, per riflettere su quanto la nostra vita dipenda dalla generosità della Terra, da omaggiare con profonda umiltà e gratitudine.

Non a caso a settembre abbondano frutti dagli effetti lassativi, ma anche altamente ricchi di antiossidanti. Sono frutti dal sapore dolce come fichi, cachi e uva, ideali per nutrire l’elemento terra. 

 

 

La frutta del mese

Il fico in particolare è una pianta lunare dalle proprietà emollienti e sedative, ricco di enzimi digestivi; una volta essiccato dona energia, rimineralizza, grazie all’elevata presenza di calcio e potassio, e ha proprietà espettoranti utili nel caso di primi raffreddori.

 

 

 

 

L'uva spinaRibes bianco o Uva Spina

Per ridare tono e combattere i danni da ossidazione dovuti alle lunghe esposizioni al sole è invece utile il ribes bianco (Ribes Grossularia), o uva spina, il cui consumo è purtroppo sottovalutato. In Italia non è facile da reperire, cresce in luoghi cespugliosi e ai margini dei boschi e va consumato solo ben maturo; il suo succo bevuto al mattino a digiuno è un’ottima cura depurativa contro i ristagni di grasso superfluo.

L’uva spina è ricca di vitamina C e B, fibre, pectine, acido malico, citrico e tartarico, oltre a vari tipi di polifenoli, potassio, calcio, ferro, rame, manganese, zinco e fosforo; essa favorisce l’opera di depurazione, combatte uricemia e gotta e stimola l’attività gastrica.

Con l’uva spina possiamo preparare un decotto utile anche contro le prime manifestazioni virali: basta far bollire due manciate di bacche essiccate per 10 minuti a fuoco basso, filtrare e bere due volte al giorno.

 

 

Ricetta maschera viso all'Uva

 

Maschera viso nutriente all'uva

Naturalmente in questo mese non può mancare il consumo di uva, meglio se uva nera con buccia, contenente enocianina, dall’elevato valore antiossidante.

Con il succo d’uva possiamo realizzare una maschera nutriente e antiossidante che ridona luminosità al viso.

Ricetta: si mescolano 2 cucchiai di succo d'uva puro con 2 cucchiai di olio di mandorle o jojoba e un cucchiaio di farina di miglio; si amalgama il tutto e si distribuisce sulla pelle del viso e del collo per 15 minuti, al termine si sciacqua con acqua tiepida.

Con le foglie dell’uva si possono preparare tisane utili per tonificare le vene; i semini invece, se masticati a lungo, contrastano l’eccesso di colesterolo ematico (controindicati solo nel caso di diverticoli).

La verdura del mese

 

 

 

Tra i vegetali ricorriamo a quelli dalla forma tondeggiante, che simboleggia il prevalere di un'energia discendente, come: barbabietole, dalla capacità tonificante della circolazione; sedani rapa, aiutano nella protezione della gola; ravanelli e cipolle, che sono degli ottimi rimineralizzanti delle ossa.

 

 

Occhio di Tigre

 

 

La pietra del mese: l’Occhio di Tigre

A settembre è facile cadere vittime di stanchezza e stati d’ansia per il carico di impegni e responsabilità che aspettano al rientro dalle vacanze. Un’ottima pietra che, con le sue vibrazioni, può aiutare ad affrontare le difficoltà del mese è l’occhio di tigre.

Questa varietà di quarzo favorisce la concentrazione e aiuta a prendere decisioni importanti alle soglie della nuova stagione autunnale. Posta sotto il cuscino di notte, appesa al collo o tenuta in tasca durante il giorno, riduce i dolori dovuti ai bruschi sbalzi climatici, attenua lo stress del sistema nervoso e rafforza il sistema immunitario, riattivando e rafforzando il chakra della radice. Il suo colore marrone richiama infatti la terra ed evoca un senso di stabilità, essenzialità e fermezza.

 

 

Frutta e verdura di stagione

Verdura: barbabietole, cavolfiori, cavoli, cetrioli, cipolline, funghi selvatici, lattuga a cappuccio, lattuga riccia, fagiolini, fagioli, melanzane, patate, peperoni, pomodori, rucola, scalogni, zucchine.
Frutta: angurie, fichi, kiwi, melagrane, meloni, noci, pere, pesche, prugne, uva.
Erbe aromatiche: acetosa, alloro, basilico, origano, peperoncino, prezzemolo, rosmarino, salvia, timo.

 

(Le informazioni fornite non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l'assunzione o sospensione di un farmaco. Per dubbi, domande e casi specifici consultare sempre il proprio medico curante).

 

terranuova

Condividi sul tuo social!
terranuova

Settembre: tempo di migrazioni e bilanci

 

Tempo di gratitudine

Dopo la vitalità dell’estate, la Terra è prodiga nell’offrire i suoi ultimi frutti e si prepara al lungo e meritato riposo. È tempo di raccolta, di conserve, di migrazioni e bilanci.

Settembre è un mese tutto al femminile in cui, oltre a celebrare la Madre Terra, molte culture venerano la luna nell’ultimo plenilunio del mese, conosciuto come Lunazione dell’Uva nella tradizione wicca.

Si tratta di un momento propizio per rilassare il corpo e ascoltare la nostra saggezza interiore, per riflettere su quanto la nostra vita dipenda dalla generosità della Terra, da omaggiare con profonda umiltà e gratitudine.

Non a caso a settembre abbondano frutti dagli effetti lassativi, ma anche altamente ricchi di antiossidanti. Sono frutti dal sapore dolce come fichi, cachi e uva, ideali per nutrire l’elemento terra. 

 

 

" data-share-imageurl="">