La spesa di aprile: erbe selvatiche, asparagi e fragole succose

fragoleÈ tempo di spalancare le finestre, di cambiare aria a stanze e locali: la primavera è arrivata. I prati si colorano di nuova luce e tonalità brillanti, gli alberi si vestono a festa per accogliere nuovamente la stagione della rinascita. Anche i campi e le piante da frutta si illuminano proponendo primizie, novità golose e succose. Aprile offre una cesta ricca di benessere, nutrimento e salute, ma anche uno scudo protettivo contro l’ictus cerebrale. Non a caso è il mese dedicato alla prevenzione contro questo drammatico problema di salute, che rappresenta la seconda causa di mortalità a livello mondiale. greenstyleAllontanarlo e prevenirlo grazie a un’alimentazione corretta è la risposta migliore per il benessere del proprio corpo. Fare la spesa sarà quindi l’arma migliore contro l’ictus, partendo dalla tavola con un giusto consumo di cibi salva vita. > Continua a leggere su La spesa di aprile: erbe selvatiche, asparagi e fragole succose

Allergie respiratorie e alimentari in primavera, curiamo i sintomi con l’omeopatia

lifegateComplici i pollini, diversi tipi di allergie tra cui quelle respiratorie e crociate si manifestano in primavera con sintomi fastidiosi. Come curarle con l'omeopatia.

Secondo stime recenti il 33,6 per cento degli italiani associa la primavera e i pollini nell’aria all’arrivo delle allergie e a soffrirne puntualmente in questa stagione sarebbe il 19,5 per cento della popolazione. Dati in costante aumento soprattutto nei centri urbani a causa dell’inquinamento atmosferico che indicano anche una crescita del numero di pazienti allergici a più pollini; starnuti, prurito agli occhi, lacrimazione e naso chiuso ne sono i sintomi più evidenti.

 

allergie pollini

  > Continua a leggere su Allergie respiratorie e alimentari in primavera, curiamo i sintomi con l’omeopatia

Vino Biologico: lo beve 1 italiano su 4

vino bio

Il 25% della popolazione 18-65 anni ha consumato almeno una volta vino biologico nell’ultimo anno, lo rivela un’indagine Nomisma-Ice, certificando un trend di consumo che ha fatto crescere del 300% la viticoltura biologica in Europa

Un boom di crescita del 295% in Europa e del 280% nel mondo: Nel periodo 2004-2015 l’analisi Wine Monitor Nomisma per Ice-Federbio diffusa a Vinitaly rivela questi dati relativi allo sviluppo della viticoltura biologica
blogCon 293 mila ettari la viticoltura biologica europea ha un ruolo di primo piano, tanto che rappresenta l’88% della superficie coltivata a vite biologica nel mondo. Il primato dell’Europa si segnala anche attraverso l’incidenza delle superfici vitate bio sul totale, che nel 2015 ha superato il 7% a fronte di una quota mondiale che non raggiunge il 5%. In tale scenario l’Italia (83 mila ettari di vite coltivati con metodo biologico) ha il primato mondiale per incidenza di superficie vitata biologica (11,9% della vite coltivata è bio), seguita da Austria con l’11,7% e Spagna con il 10,2%. > Continua a leggere su Vino Biologico: lo beve 1 italiano su 4

Pagine